Non sei connesso Connettiti o registrati

Formula 1 - Gp del Bahrein

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1 Formula 1 - Gp del Bahrein il Lun 15 Mar 2010, 23:36

EL JAPI

avatar
Responsabile Calciomercato
Responsabile Calciomercato
GP del Bahrain - Bentornato Alonso, Trionfo Ferrari!



DOPPIETTA FERRARI in Bahrain. Vettel si arrende ai problemi meccanici dopo una partenza e una gara perfette, Alonso e Massa volano a vincere. Terzo Hamilton. Il Kaiser chiude al sesto posto. Pessimo il debutto dei nuovi team.



BENTORNATO FERNANDO! BENTORNATA FERRARI!! Doppietta Rossa in Bahrain! Lo spagnolo torna sul gradino più alto del podio (ultima vittoria in Giappone nel 2008). Secondo posto e forse ancor più importante di una vittoria per Felipe Massa che torna alla grande al rientro in pista dopo il brutto incidente in Ungheria. Terzo posto per Lewis Hamilton. E un applauso allo sfortunato Vettel, problemi tecnici per lui, sempre al comando prima di dover lasciare pista alle Ferrari.

No, non è stata una gara entusiasmante. Anzi. Chi temeva la partenza, tutti, è rimasto deluso a vedere le monoposto raggiungere e superare le prime curve senza eccessivi problemi. A dare l'unica emozione, tolto il fumo di Webber, è Fernando Alonso che con grande sicurezza (e penso premeditazione) infila il compagno di squadra Felipe Massa proprio alla prima temutissima curva. È solo il primo brivido che lo spagnolo regala ai tifosi della Rossa.

Vettel però è insuperabile. La Red Bull numero 5 conquista la pole e conserva il primo posto senza alcuno sforzo. Vettel lascia dietro di sé tutti, favoriti, ipotetiche sorprese e grandi ritorni. A proposito, Michael Schumacher si limita a mantenere la sua settima posizione con una Mercedes apparsa fin da subito più pesante e meno manovrabile rispetto alle altre big. Il campione del mondo in carica si perde, non rischia e sparisce. Brutta partenza invece per Robert Kubica che scivola nelle retrovie.

Pochi giri e la gara si mette su binari ben chiari: sarà una lotta tra Red Bull e Ferrari. Vettel preme sull'acceleratore, forte di una monoposto superiore alla Rossa in pieno carico e in vista di un possibile ritorno in gioco di Alonso e Massa. Sebastian Vettel che nel giro di una decina di tornate si porta a un comodo +3 secondi da Fernando Alonso. Le nuove regole non aiutano certo lo spettacolo con vetture cariche e pesanti che non permettono quindi ai piloti di sorpassare e anzi, li costringono a cautela a tratti eccessiva e a distacchi che aumentano a ogni giro. Si sapeva, solo da metà gara si sarebbero viste differenze e giri veloci, e così è stato anche in Bahrain, pista non certo favorevole alle nuove regole.

I primi, tra i big, a rientrare ai box sono Hamilton e Schumacher. C'era grande attesa per questi nuovi pit stop. Cambi gomme veloci e niente benzina. Non cambia niente. Schumacher rientra al decimo posto ma in pochi giri riprende il sesto posto, non certo grazie a sorpassi ma alle ai pit stop altrui. Per vedere un sorpasso bisognerà attendere il 25esimo giro, metà gara: Robert Kubica brucia in modo magistrale la Toro Rosso di Buemi. Alonso entra per il suo pit stop al 17esimo giro. Subito dopo entrano Massa e Vettel. Come posizioni non cambia nulla ma la Ferrari cambia volto e cambia la gara.

La Rossa si Massa vola con il cambio gomme. Anche Alonso pian piano riprende decimi su Vettel. È proprio a questo punto che viene fuori tutto il potenziale Ferrari: giri record e un recupero che porta Alonso a strappare addirittura un secondo in un giro a Sebastian Vettel. La vittoria Ferrari non può esser giustificata solo ed esclusivamente dal ritiro Red Bull. La Rossa spingeva come nessuno.

Giro 34, Vettel si arrende. Una delle delusioni della domenica del Bahrain. La Red Bull, regina incontrastata del primo week end mondiale ha un problema tecnico, Vettel, sempre primo, perde secondi e comunica con il box: non c'è niente da fare. Sconforto tra i volti dei tecnici e al muretto. Alonso si avvicina e passa senza problemi il tedesco. Massa lo segue dopo neanche un giro. Davanti ci sono due Ferrari. Vettel che resiste per un paio di giri prima di dover lasciar strada anche alla McLaren di Hamilton, forse la più ingiustamente premiata a Sakhir.

Della Mercedes e del campione del mondo Button non ci sono notizie. Protagonisti tutti e tre di una gara di pura gestione del punto iridato. Giusto, ma forse ci si aspettava qualcosa di più. L'unico a strappare un qualche applauso è Nico Rosberg che alla prima gara si piazza davanti al re Schumacher suo compagno di scuderia.

Alonso alza i pugni al cielo. Con lui Massa, il suo secondo posto è più importante di una vittoria. Sempre davanti, anche in qualifica (anche se ho molti dubbi sull'ultimo giro veloce di Fernando Alonso, sicuri volesse partire in prima fila?) e all'altezza della situazione al suo ritorno da quel maledetto incidente in Ungheria. Applausi alla Ferrari, gioia e soddisfazione ma siamo solo all'inizio, guai peccare di presunzione: la Red Bull è forte.

CLASSIFICA PILOTI

Fernando Alonso 25
Felipe Massa 18
Lewis Hamilton 15
Sebastian Vettel 12
Nico Rosberg 10
Michael Schumacher 8
Jenson Button 6
Mark Webber 4
Tonio Liuzzi 2
Rubens Barrichello 1
Jarno Trulli 0
Timo Glock 0
Heikki Kovalainen 0
Robert Kubica 0
Sebastien Buemi 0
Adrian Sutil 0
Kamui Kobayashi 0

CLASSIFICA COSTRUTTORI



Ferrari F1 43
McLaren Mercedes 21
Mercedes GP 18
Red Bull - Renault 16
Force India - Mercedes 2
Wiliams F1 1
BMW Sauber F1 0
Renault F1 0
Scuderia Toro Rosso - Ferrari 0


____________________
-EL JAPI-
Vedi il profilo dell'utente

2 Re: Formula 1 - Gp del Bahrein il Lun 15 Mar 2010, 23:51

Pier.

avatar
Amministratore
Amministratore
Quest'anno sarà la rinascita di Fernando, l'ho visto molto felice di guidare la rossa.. sono una bella coppia lui e Massa..


____________________
GrAzie rAgAzzi!



___________
Pier.
Vedi il profilo dell'utente

3 Re: Formula 1 - Gp del Bahrein il Mar 16 Mar 2010, 00:00

u cici

avatar
Responsabile Video
Responsabile Video
Gran bella vittoria di Alonso, sfortuna nera per Vettel che si vede sfuggire la vittoria solo per la rottura dello scarico che ha fatto perdere invitabilmente velocità alla sua RED BULL. Dei nuovi mi ha impressionato il russo Petrov, che per quanto si è visto in gara si vede che ha del talento.


____________________

CREDERCI SEMPRE MOLLARE MAI
Vedi il profilo dell'utente

4 Re: Formula 1 - Gp del Bahrein il Mar 16 Mar 2010, 01:03

Phil

avatar
Grafico Ufficiale
Grafico Ufficiale
sportmediaset
Di Luca Budel

Fernando Alonso - Voto 9
Manca la cifra doppia solo perché il sorpasso su Vettel è stato propiziato da un problema tecnico della macchina del tedesco. Per il resto il leoncino di Oviedo è stato perfetto per tutto il fine settimana nella gestione di un carico esagerato di pressione. Ha chiarito il livello della sua fame arretrata attaccando Massa alla prima curva e non ha mai perso di vista l'obiettivo finale, anche quando Vettel stava cercando la fuga.
VORACE

Sebastian Vettel - Voto 9
Il voto è alto perché senza la rottura dello scarico della Red Bull (voto 5,5) lo scenario della corsa sarebbe potuto essere ben diverso. Seb è stato velocissimo e non ha sbagliato nulla, riprendendo il filo del discorso concluso con la vittoria di Abu Dhabi. Il quarto posto con una macchina svuotata della potenza originale è un risultato eccezionale.
SFIGATO

Felipe Massa - voto 8
Ha buone ragioni per lasciare il Bahrain con il sorriso sulle labbra. La gara ha confernmato il completo recupero fisico di Massa e anche il cervello funziona al 100%. Felipe lo ha dimostrato alla prima curva evitando il contatto con Alonso che rischiava di trasformale in una tragicommedia quella che poi è diventata la doppietta numero 80 nella storia della Ferrari.
RITROVATO

Lewis Hamilton - voto 7,5
Con una McLaren (voto 6) che ha viaggiato nettamente al di sotto delle attese Lewis ha portato a casa il massimo risultato con il minimo sforzo. Se nell'immediato è Vettel il pericolo principale per la Ferrari sul lungo periodo servirà tenere d'occhio Hamilton che ha imparato a non buttar via niente, ridimensionando contemporaneamente le ambizioni di Button (voto 6).
CONCRETO

Ferrari - Voto 7,5
Tante luci, ma anche qualche ombra nella trionfale gità in mezzo al deserto. Due motori sostituiti alla vigilia della gara e un problema alla macchina di Massa sono qualcosa in più di dettagli trascurabili dentro una domenica di festa.
IMPERFETTA

Michael Schumacher - Voto 6
Se la Mercedes (voto 5,5) non è la Brawn dell'anno scorso, pure Schumacher sembra lontano dalla forma di 4 anni fa. Si è limitato a fare il taxista portando a spasso la macchina, con l'aggravante di aver beccato sia in qualifica che in gara da Rosberg (voto 7), uno che alla Mercedes considerano il valletto di Schumi.
ARRUGGINITO


____________________
La risposta sei tu, nessuno te la suggerisce. Devi solo convincerti di essere quello che tu vuoi, quello che tu chiedi!
Vedi il profilo dell'utente http://blogpetrelli.wordpress.com/

5 Re: Formula 1 - Gp del Bahrein il Mer 17 Mar 2010, 00:02

u cici

avatar
Responsabile Video
Responsabile Video
Impressioni del miglior Italiano in gara, Tonio Liuzzi della Force India.

Chiudere nono e guadagnare due punti nella prima gara della stagione è stato un grande risultato. La squadra è stata grande fin dall'inizio del processo di progettazione, così per raggiungere tale obiettivo così presto nella stagione e ora siamo in grado di spingere di più. I primi quattro team sono ancora un po 'più avanti di noi, ma noi siamo li dietro pronti ad approffitare un qualsiasi loro problema. La Renault di Robert Kubica è stato davvero competitiva, così dopo i primi quattro topteam penso che sarà tra noi e la Renault la lotta per il quinto posto in campionato in questa stagione.

Guardando alla gara, ho avuto un po' di fortuna in una partenza folle dietro Webber. Ho pensato che avesse rotto il motore, perché c'era veramente un sacco di fumo bianco, che di solito è un segno di rottura. Ma credo che la Red Bull ha riempito troppo il serbatoio dell'olio e poi bruciato, nel superamento degli scarichi. Dietro era come andare in un angolo cieco, non si vedeva niente il che è molto pericoloso. In futuro dobbiamo essere più attenti a questo genere di cose, perché ha rovinato la gara al mio compagno di squadra Adrian Sutil.

Una delle grandi sorprese del week-end è stato il comportamento dei pneumatici. Prima del nostro arrivo nessuno si aspettava di essere in grado di fare tutta la gara con un solo pit stop. Tutti abbiamo pensato che la mescola più morbida si usuravano rapidamente, ma in realtà era il contrario ed è stato molto facile guidare. Abbiamo iniziato la gara con gomme dure, perché abbiamo pensato che le vetture davanti con gomme SOFTS e tanto carburante a bordo avrebbero dovuto fermarsi prima di noi. Ma non era affatto così e infatti la gomma dura si è rivelata una scelta quasi sofferta perchè ho avuto molto sottosterzo. Dopo il pit stop le gomme morbide hanno lavorato davvero bene e abbiamo avuto un ritmo davvero buono e coerente. E 'sempre difficile alla prima gara per capire come andranno le cose, ma penso che abbiamo fatto una buona gara fino alla fine.

Dopo il Gran Premio c'è stato un gran parlare della mancanza di sorpassi con le nuove regole. Abbiamo visto un sacco di cambiamenti in Formula Uno nel corso degli ultimi anni e, talvolta, si è reso più emozionante. Alcuni tipi di cambiamenti sono stati molto interessanti perché ha dato alle squadre piccole la possibilità di sfidare i grandi produttori.

Ma nel complesso credo che questo potrebbe rivelarsi uno degli anni migliori. Credo che nell'ambito di tali norme si vedrà una forma più pura di corse che mostra molto di più le potenzialità del pilota. Lo dico perché in passato si andava forte al 100% dall'inizio alla fine e ora abbiamo il fattore di preservare le gomme e il carburante. Hai un sacco di cose da pensare e si deve cambiare la guida e la strategia di gara in corso. C'è molta più attitudine mentale del conducente, che è una buona cosa.

Inoltre non abbiamo, molti circuiti scolastici, come Monza e Spa, che hanno curve ad alta velocità, dove i piloti possono fare degli errori. Un sacco di nuovi circuiti hanno troppo curve lente e diventa troppo importante la macchina e non il driver.

La prossima gara in calendario è in Australia e credo di poter fare ancora meglio là che in Bahrain. Bahrain non è stato il nostro tipo di circuito, è stato troppo lento, troppo Mickey Mouse. Vogliamo dimostrare e confermare il nostro potenziale e cercare di ottenere qualche punto in più. Una cosa che non avevamo a disposizione in Bahrain è stato l'ala anteriore orientabile, così non ho potuto cambiare il mio lembo anteriore durante la gara, quando soffrivo il sottosterzo. Non l'avevamo perché eravamo un po' preoccupati per l'affidabilità, ma è qualcosa che vogliamo essere sicuri di avere sulla macchina in Australia. Il confronto è così duro che non possiamo permetterci di regalare neanche un decimo di secondo.


____________________

CREDERCI SEMPRE MOLLARE MAI
Vedi il profilo dell'utente

Contenuto sponsorizzato


Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum