Non sei connesso Connettiti o registrati

WRC 2010 - GP NUOVA ZELANDA

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1 WRC 2010 - GP NUOVA ZELANDA il Ven 07 Mag 2010, 10:43

u cici

avatar
Responsabile Video
Responsabile Video
Ritorno a Auckland

Dal 7 al 9 Maggio, gas nuovamente spalancato sui tratti impegnativi della Nuova Zelanda dopo un anno di assenza, dove la ghiaia, i saliscendi e i curvoni da temerari ritornano di diritto nel panorama mondiale. I paesaggi mozzafiato di questa terra a tratti ancora selvaggia hanno visto trionfare nel 2008 il duo tutto Citroen Sebastien Loeb - Dani Sordio.

Una splendida doppietta che la casa francese è determinata a confermare anche quest'anno, con il sei volte campione del mondo già in fuga e pronto ad allungare ancora la sua striscia vincente. Un 'cannibale' che non smette mai di avere fame di successo, con gli occhi già puntati sul fine settimana anche se con un accenno di accortezza nei confronti dei rivali. "Anche se abbiamo vinto il Rally di Nuova Zelanda in due occasioni, io sono ancora un po 'cauto - ha detto il campione in carica -, i nostri rivali sono di solito molto forti su questo tipo di superficie. In ogni caso, non vedo l'ora di correre in questa evento. Le tappe sono magnifiche, è una delle manifestazioni in cui si ottiene il massimo piacere di guida".

Un atteggiamento pridente anche in vista delle novità presenti in questa edizione, che vede un percorso dirottato a 200 Km a nord di Hamilton, ad Auckland, un ritorno nella città principale del Paese. Dove assieme allo sterrato non mancheranno le insidie dell'asfalto, che tanto hanno allarmato anche in Giordania, con due Super Speciali dense di aspettative. La prima al circuito Hampton Downs e la seconda nel più antico parco della città: l'Auckland Domain.

Aspettative le ha invece il giovane Sebastien Ogier, premiato con la partecipazione all'appuntamento in Nuova Zelanda, non previsto dallo Junior Team, dopo le sorprendenti perstazioni mostrate da inzio stagione, e in particolare quella in Messico dove è salito sul podio. Una tappa da onorare al meglio, nonostante il percorso sia tutto da scoprire, ma come in Turchia la determinazione del giovane francese mira in alto.

Ambizione è invece quella che appare negli occhi dei driver della Ford, in particolare in quelli di Mikko Hirvonen, pronto in Nuova Zelanda a ribaltare i pronostici di una stagione che appare segnata ma non decisa. Il finlandese è entusista nonostante i brutti ricordi del 2008, quando dovette ritirarsi per una foratura,; ritiro che subì anche il compagno di squadra Lavtala, costretto ad abbandonare la competizione lungo i 29,72 km di Whaanga Coast per un radiatore ko.

Sul 'veloce, liscio e divertente' manto neozelandese descritto dal vice-campione in carica, la squadra dell'Ovale Blu conta di recuperare il divario con la Citroen che vede Loeb saldo in testa a 93, mentre Hirvonen terzo a 52. Tra i due figura petter Solberg, che non si fa molte illusioni sulle novità del percorso 2010, consapevole comunque di recitare ancora la parte da terzo incomodo nella lotta al titolo. Nonostante le buone prove effettuate da inzio anno, l'ex campione del mondo con la sua Citroen privata ha già effettuato un test sul terreno e non ha riscontrato fattori che possano dare un vantaggio in termini di competitività.

Il sibilo dei motori sta già iniziando a offrire altra musica tra i luoghi incantati di questo angolo nel sud del mondo, dove per quattro giorni nuove specie rombanti lasceranno le loro impronte feline su questo terreno, guidate da uomini che puntano senza limiti alla conquista di un altro scettro da campioni.


____________________

CREDERCI SEMPRE MOLLARE MAI
Vedi il profilo dell'utente

2 Re: WRC 2010 - GP NUOVA ZELANDA il Ven 07 Mag 2010, 13:52

u cici

avatar
Responsabile Video
Responsabile Video
Solberg scatta davanti

Il Rally di Nuova Zelanda consce il nome del suo primo protgonista Petter Solberg. Il norvegese, autore di prove magistrali a bordo della sua Citroen privata già nel corso delle prime prove di campionato si è ripetuto anche nel day 1 dell'appuntamento neozelandese, tenedo testa agli attacchhi dei rampanti Jari-Matti Latvala e Sebastien Ogier.

Un primo bilancio non scontato per la tappa oceanica, che non ha visto il solito Sebastien Loeb dettare il ritmo alla concorrenza. Al contrario il cannibale stavolta è apparso subito in affanno, impersonando un silenzioso spettatore che osserva i suoi rivali battagliare in testa.

Solberg ha preso subito le redini della gara già dalla prima speciale, ma non è stato un gioco da ragazzi per l'esperto norvegese tenere a bada lo scatenato Sebastien Ogier, impressionante sul cronometro nonostante il debutto i questo scenario, e il ritrovato Jari-Matti Lavtala ancora una volta protagonista in casa Ford di una pestazione di alto livello rispetto al più quotato compagno di squadra Mikko Hirvonen.

Loeb e Hirvonen non sono mai riusciti a impensierire i primi tre classificati di giornata, autori di una sorta di scontro tra titani del volante. Un vero confronto tra talenti, che ha visto il norvegese avere la meglio sulla seconda guida dell'Ovale Blu e il giovane francese dello Junior Team per pochissimi secondi. Quasi un secondo e mezzo sul finlandese e quasi quattro sul francese, un esiguo bottino come finale di giornata. Esiguo come il divario accumulato dalla seconda guida del team ufficiale Citroen Dani Sordo, che ha chiuso dall'ex campione del mondo della Subaru a quasi nove secondi, ma anche solitario in testa per ben due speciali nel corso della sessione.

Discorso diverso per Mikko Hirvonen, alla fine quinto nella graduatoria tempi, staccato dalla vetta per poco più di 20 secondi. Il finlandese si è fatto solo notare negli specchietti dei tre, e dopo una rabbiosa reazione già dalla seconda speciale, ha limitato i danni in classifica tenendosi a ridosso delle prime quattro impossibilitato a spingere più del dovuto: "Ho spinto forte e non hanno fatto errori, ma non potevo andare più forte. Non è stata una buona giornata".

Quello meno soddisfatto da questo approccio al Rally di Nuova Zelanda è comunque Sebastien Loeb, visto il divario preoccupante dal podio in questo angolo del mondo: quasi un minuto e venti. Loeb ha visto frantumarsi la sua strategia di gara nel corso della quarta speciale, quando ha subito un incidente (dopo 5,4 km dei 22 complessivi di Cassidy) ad un ponte, riportando pesanti danni alla carrozzeria che lo hanno costretto a viaggiare mantenendo chiusa una portiera con un cinturino. Un errore che gli è costato quaranta secondi.

Il francese non ha mollato le ambizioni da titolo, anche se ha detto che sarà dura rimontare il grande divario con i primi tre di testa, dato che Solberg, Latvala e Ogier viaggiano a ritmi inarrivabili al momento. Nel descrivere l'incidente, il sei volte campione del mondo ha detto di aver perso il posteriore della sua C4 all'angolo di entrata del ponte di Cassidy: "Ho perso il posteriore della vettura, ed è stata colpa mia. Ho frenato troppo tardi. La vettura è scivolata e abbiamo centrato il ponte dal mio lato".

Per il campione e il vice campione del mondo in carica quindi è iniziata in salita l'avventura neozelandese, ma nulla è scontato al momento, già pronti al riscatto nelle speciali di sabato, dove oltre alla ghiaia ritorna protagonista l'asfalto.


____________________

CREDERCI SEMPRE MOLLARE MAI
Vedi il profilo dell'utente

3 Re: WRC 2010 - GP NUOVA ZELANDA il Sab 08 Mag 2010, 13:32

u cici

avatar
Responsabile Video
Responsabile Video
Ogier in testa, ma Loeb vola

La Citroen forse ha trovato il successore di Sebastian Leob. Un predestinato, un divoratore d'asfalto, un piede pesante che ricorda tanto il 'cannibale', ed è anche francese cosa che per i transalpini vuol dire garanzia.
Sebastien Ogier ha sorpreso ancora il gruppo mondiale della WRC, anche se per detronizzare Loeb ci vorra ancora tempo. Il giovane campione dello Junior Team, che ha avuto una Wild card per l'appuntamento neozelandese è partito con l'ambizione di imparare il percorso, sulle panoramiche strade oceaniche, ma si è poi riscoperto maestro.

Una prova da vero fenomeno nel secondo giorno, tanto da conquistare subito il gradino più alto del podio già dalla prima speciale di giornata, ai danni di un Solberg meno reattivo rispetto alle prime nove speciali. Il norvegese nonostante abbia tentato di reagire, ha faticato molto in giornata; mentre gli altri colleghi della Citroen hanno volato letteralmente senza problemi.

Ogier ha stupito, anche se è stato ancora uan volta Loeb a impressionare. Il minuto e venti di ritardo subito a causa di un errore nella giornata di ieri, che gli ha danneggiato pesantemente la vettura, non ha per niente scalfito l'animo granitico e da combattente del sei volte campione del Mondo. Al contrario pare quell'intoppo abbia acceso la miccia esplosiva nel francese, letteralemnte indemoniato e rabbioso nell'affrontare le otto speciali previste. Sulla ghiaia divorata dalla sua C4, il 'cannibale' ha impostato la gara perfetta senza sbavature e con la determinazione da campione del mondo in carica. Un marcia inarretabile inizata già dal mattino, quando ha dominato le prime tre spaciali, infliggendo nella terza ben 22 secondi nei parziali al secondo arrivato Mikko Hirvonen. Bilancio: Loeb al fine giornata si è messo in scia al rampante connazionale per soli 5.3 secondi. Un divario impercettibile visto che mancano all'appello ancora quattro speciali.

Dietro i transalpini della casa francese, ha tenuto ancora una volta in piedi le sorti della Ford il finlandese Jari-Matti Ltvala, che ha chiuso a poco più di 33 secondi dalla vetta. Il pilota dell'Ovale Blu ha preferito avere un'andatura prudente, rispetto ai rivali, per adattarsi alle condizioni d'asciutto dopo la pioggia piovuta durante le fasi di ricognizione. Prudente anche l'altro pilota ufficiale della Citroen Dani Sordo, che ha tentato di recuperare sui piloti di testa, ma i rischi di una possibile uscita lo hanno frenato. Diverse le difficoltà di Solberg, precipitato in quinta posizione, dopo aver sofferto molto la quantità di ghiaia presente in pista dal mattino.

Chi invece era atteso a una grande prova era Mikko Hirvonen, dato che il finlandese aveva mostrato nella giornata precedente di aver ampie possibilità di recupero con il suo ritmo di marcia. Invece un errore al termine dei 28.82 Km della tappa New Franklin hanno compromesso ogni possibilità, dato che alla fine il driver della casa americana è precipitato a oltre un minuto, in sesta posizione nella generale. Il finlandese, fortunatamente, non ha subito danni consistenti alla sua Focus, ma ormai la vittoria in Nuova Zelanda pare un discorso chiuso tra Loeb e Ogier, salvo clamorosi colpi si scena


____________________

CREDERCI SEMPRE MOLLARE MAI
Vedi il profilo dell'utente

4 Re: WRC 2010 - GP NUOVA ZELANDA il Dom 09 Mag 2010, 19:16

u cici

avatar
Responsabile Video
Responsabile Video
Latvala vince in Nuova Zelanda, Ogier beffato

A un passo dalla gloria, Sebastien Ogier ha visto sfumare in un testa-coda un'impresa che l'avrebbe consacrato rivale in classififca e sicuro erede di Sebastien Loeb. Un errore che ha premiato Jari-Matti Latvala, quasi incredulo per lo svarione del giovane francese, che ha permesso alla seconda guida Ford la promozione a portacolori della propria squadra e il record di vittorie per l'Ovale Blu nella storia Rally, 75 contro le 74 della Lancia ormai superata.

Il finlandese ha etichettato come 'incredibile' il finale di questo Rally in Nuova Zelanda, una trama perfetta per un thriller, dove la vittima designata era il rampante transalpino del team Junior Citroen, arrivato nel Paese oceanico grazie a un premio concesso dalla casa madre. Una tappa trasformatasi da sogno a impresa, sino a tre curve dalal fine dell'ultima speciale dove la sua C4 ballerina lo ha tradito, concedendo a Latvala due secondi da primato.

Sembrava tutto già deciso con un Loeb stratosferico che, dopo aver 'passeggiato' sabato rispetto agli avversari, recuperando oltre un minuto sul leader di corsa, aveva inziato a imporsi già dalla prima prova della mattinata rifilando al giovane connazionale già 4.5 secondi, e ribaltando l'esito della seconda giornata. Si annunciava un altro fine settimana scontato, e invece proprio nella speciale successiva di Whaanga Coast, il campione in carica ha commesso un'altro errore fatale nell'arco dell'appuntamento, uscendo di strada e lasciando altri 50 secondi agli avversari. Uno sbaglio che gli è costato l'ennesimo trionfo, finendo momentaneamente dietro Ogier, Latvala e Solberg.

La situazione è rimasta invariata nella penultima speciale, fino all'altro grave errore costato la terza piazza a Petter Solberg, terminato sul finale contro un palo dell'elettricità. Il norvegese e il suo copilota sono rimasti fortunatamente illesi. Tra i delusi di giornata anche Mikko Hirvonen, che si è complimentato con Jari-Matti Latvala (ritornato al successo dal Rally di Sardegna dello scorso anno) per aver riportato la Ford sotto i riflettori del successo; ma poco soddisfatto dal suo quarto piazzamento. "Se non fosse stato per il set-up sbagliato l'errore di ieri il mio risultato sarebbe stato diverso" ha detto secco il vice-campione del mondo.

In classifica Leob resta saldamente in testa a quota 108, inseguito dal duo Ford Latvala-Hirvonen, rispettivamente a 72 e 64 punti. Ora i team sono diretti in Portogallo, dove dal 28 al 30 maggio si aprirà un'altra pagina di emozioni targate WRC.


____________________

CREDERCI SEMPRE MOLLARE MAI
Vedi il profilo dell'utente

Contenuto sponsorizzato


Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum