Non sei connesso Connettiti o registrati

WSBK 2010 - GP REPUBBLICA CECA

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1 WSBK 2010 - GP REPUBBLICA CECA il Mer 07 Lug 2010, 23:13

u cici

avatar
Responsabile Video
Responsabile Video
La Superbike torna domenica 11 Luglio sul circuito di BRNO in Repubblica Ceca. Brno è la pista preferita di Max Biaggi, il quattro volte Campione del Mondo ha vinto in ben nove occasioni, trionfando in ogni categoria nella quale abbia corso: 4 volte in 250, 2 volte in 500, una volta in MotoGP e due volte in SBK, nel 2007 e 2009. Il pilota romano ha ottenuto quattro vittorie consecutive (Miller e Misano) che lo hanno portato in vetta alla classifica iridata con 37 punti da Leon Haslam (Suzuki), suo più immediato inseguitore. Notizia di ieri che Biaggi e la compagna Eleonora Pedron aspettano il secondo figlio. “La vita ci ha voluto fare un altro regalo e ne siamo felicissimi, perché per noi i figli sono la vita” sono state le parole con cui Biaggi e compagna annunciano l’arrivo del secondo figlio.
C’è un altro pilota che a Brno ha vinto più di una volta in SBK. Troy Corser si è imposto tre volte in passato, due con la Ducati ed una con la Suzuki. Considerando che la sua BMW sta crescendo di gara in gara chissà che il pilota australiano possa insidiare il capo classifica. Nella rosa dei pretendenti alla vittoria va sicuramente citato Leon Haslam (Suzuki Alstare) soprattutto dopo il secondo posto di Misano e le belle prestazioni nei test di Imola. L’inglese con il nuovo avantreno potrebbe aver ritrovato la competitività delle prime gare.
Attesi ad una prova di vertice anche Michel Fabrizio che ritrovato nei test di Imola, Jonathan Rea (Hannspree Ten Kate Honda) e Cal Crutchlow (Yamaha Sterilgarda), molto discontinui in questa prima parte della stagione e Jakub Smrz (Pata B&G Racing) al debutto sul circuito di casa con l’Aprilia RSV4.

Ecco la programmazione TV e streaming del week end di Brno.

Sabato 10 luglio
La7
14:50 Superbike - Superpole (diretta)

Eurosport
15:00 Superbike - Superpole (diretta)

Dalhia sport
15:00 Superbike - Superpole (diretta)

Dalhia sport
17:00 Superstock 600 - gara (diretta)

Domenica 11 luglio
La7
11:15 Superbike Gara 1 (diretta)
15:20 Superbike Gara 2 (diretta)

La7.it
11:15 Superbike Gara 1 (diretta)
13.00 Supersport - Gara (diretta)
15:20 Superbike Gara 2 (diretta)

Dalhia sport
12:00 Superbike gara 1 (diretta)
13:00 Supersport gara (diretta)
15:30 Suoerbike gara 2 (diretta)

Eurosport
10.30 Superstock 1000 - Gara
11.00 Superbike - Superpole (replica)
13.00 Supersport - Gara
14.00 Superstock 1000 - Gara (differita)
14.30 Superbike - Gara 1 (differita)
15.30 Superbike - Gara 2 (diretta)


____________________

CREDERCI SEMPRE MOLLARE MAI
Vedi il profilo dell'utente

2 Re: WSBK 2010 - GP REPUBBLICA CECA il Ven 09 Lug 2010, 01:10

u cici

avatar
Responsabile Video
Responsabile Video
SUPERSPORT - La gara di Misano ha riportato Eugene Laverty (Parkalgar Honda) in testa alla classifica mondiale grazie alle cinque vittorie conquistate sinora. Kenan Sofuoglu (HANNspree Ten Kate Honda) si è ben difeso nelle ultime gare ma un errore a Misano lo ha costretto a cedere la leadership all'irlandese. Joan Lascorz (Kawasaki Motocard.com), da canto suo, non perde contatto dalla coppia di testa in attesa di poter tornare alla vittoria. Rimane ai piedi del podio la Triumph che sta crescendo, soprattutto con il britannico Chaz Davies (Triumph ParkinGO BE1). Gli italiani cercano il riscatto: Michele Pirro (HANNspree Ten Kate Honda) vuole tornare a raccogliere punti dopo l'errore di Misano, mentre Massimo Roccoli (Intermoto Czech Honda) è alla ricerca della competitività. Come wild card saranno al via sei piloti dell'Est che potranno misurarsi con i migliori della categoria.


SUPERSTOCK 1000 - Considerando le caratteristiche della BMW S 1000 RR, potrebbe esserci la sesta vittoria consecutiva di Ayrton Badovini, saldamente al comando della classifica di Coppa con quasi il doppio dei punti del secondo classificato Maxime Berger (Honda Ten Kate Race Junior). Tra i piloti in grado di salire sul podio anche gli italiani Michele Magnoni (Honda Bevilacqua Corse) e Davide Giugliano (Suzuki Team 06).


SUPERSTOCK 600 - Continua il duello sportivo tra Jeremy Guarnoni (Yamaha MRS Racing) e Florian Marino (Honda Ten Kate Race Junior) con i francesi ampiamente in testa all'Europeo e l'italiano Federico D'Annunzio (Yamaha Martini Corse) pronto ad approfittare di qualsiasi passo falso dei transalpini.


IL CIRCUITO - L'Automotodrom Brno è un circuito di 5,403 chilometri, con 8 curve a destra e 6 a sinistra che si snoda al centro della foresta. Costruito nel 1987 è caratterizzato da una notevole variazione di altitudine. Abbastanza veloce, ha ospitato la Superbike per la prima volta nel 1993 ma è solo dal 2005 che si disputa regolarmente il round mondiale. I record della pista sono l'1'59"961 (media 162,143 km/h) quello ufficiale, realizzato lo scorso anno da Max Biaggi (Aprilia) e l'1'58"345 (media 164,360 km/h) il best lap stabilito da Troy Bayliss (Ducati) nel 2008.


____________________

CREDERCI SEMPRE MOLLARE MAI
Vedi il profilo dell'utente

3 Re: WSBK 2010 - GP REPUBBLICA CECA il Sab 10 Lug 2010, 17:08

u cici

avatar
Responsabile Video
Responsabile Video
superpole per Crutchlow (e quattro!). Ma Biaggi è pronto a fare ... la lepre

Picchia il sole sui saliscendi tortuosi di Brno. E picchia forte Cal Crutchlow nel giro secco (1’58.018), guadagnando la quarta superpole nella stagione del debutto.
Non poco, specie per la Yamaha, cui manca quest’anno l’apporto di un fuoriclasse quale Ben Spies e cerca con forza il gradino più alto del podio. Impresa, a dir poco molto difficile, se non disperata per la Casa dei tre diapason.
Perché il secondo tempo è di Max Biaggi (1’58.743), pilota particolarmente a proprio agio nel toboga “ceco”, dove contano la fluidità di guida, il raccordo morbido delle linee, il passo elevato senza sbavature, l’incalzare martellante del fuoriclasse che non sbaglia e non perdona.
Il pilota dell’Aprilia non gioca a gatto col topo, ma dimostra di avere in mano la situazione per far sua una corsa che può davvero dare una svolta alla classifica iridata.
Anche perché, in difficoltà, se non proprio in crisi, c’è proprio il diretto avversario del “corsaro”: quell’Haslam, solo 14esimo, cui pare appannato lo smalto eccellente della prima parte di stagione.
Il viso rabbuiato del team manager della Suzuki, Battà, la dice lunga sul “clima” di delusione nel vedersi allontanare la possibilità di lottare per il podio e soprattutto quella della lotta per il titolo.
Tornano in prima fila, a pieni voti, anche se sopra l’1 e 59 Rea (Honda) 1’59.094, e Xaus (Bmw), 1’59.135, rimasto senza il compagno di squadra Corser, out dopo il terribile volo in prova, venerdì.
E le Ducati? Ancora sottotono. Sesto tempo: ma non con le moto “factory”. Bensì con il formidabile “privat” Luca Scassa, che precede l’ufficiale Fabrizio e lo spagnolo Checa, rispettivamente settimo e ottavo.
Niente da fare per Haga, alla ricerca del difficile rilancio, ma invece solo protagonista di due cadute consecutive nella Sp1 e Sp2. Segnali preoccupanti, che dimostrano la spirale negativa in cui è precipitato il pilota giapponese.
La Suzuki recupera il momento “no” di Haslam, con il quarto posto di Guintoli. Al di sotto delle aspettative Smrz, caduto davanti al suo pubblico in prova, al debutto con l’Aprilia. Bravo Lanzi, cui per un pelo è sfuggita la seconda fila.
Con temperature sui 32 gradi (62 gradi sull’asfalto), in corsa tutto può succedere. Biaggi permettendo. Se il romano parte bene, sarà una lepre imperdibile. E allora sarà bagarre solo per il secondo posto. Vedremo. Perché i colpi di scena e .. i miracoli sono l’essenza della Sbk.


____________________

CREDERCI SEMPRE MOLLARE MAI
Vedi il profilo dell'utente

4 Re: WSBK 2010 - GP REPUBBLICA CECA il Lun 12 Lug 2010, 12:29

u cici

avatar
Responsabile Video
Responsabile Video
Rea apre i giochi, Max li chiude.

Max Biaggi sorride a metà in gara 1 nella sua Brno. Il 'corsaro' dell'Aprilia conquista un buon secondo posto ma lascia fuggire Jonathan Rea nelle prime fasi di corsa, e alla fine il britannico ritrova il successo senza soffrire particolarmente la pressione degli avversari.
Il connubio tra Rea e la Honda è ritornato vincente, e le parole profetiche del preparatore di Max Biaggi a inizio gara, che avevano fatto nascere qualche dubbio sulle possibilità di vincere per il romano di casa Aprilia, alla fine si sono materializzate. Una 'gara difficile' l'aveva definita, che si è trasformata sempre più in una caccia all'inseguimento col passare dei giri, dopo l'ennesima partenza fulminea di Biaggi. Il romano però non ha potuto contenere l'esuberanza del rider CBR, aggressivo e lucido nel sorpasso all'esterno imposto a inizio sessione. Un sorpasso che ha sancito la vittoria di Rea, mentre alle spalle di Biaggi iniziava una piccola caccia all'uomo.
Cal Crutchlow dopo un'altra pole da record, stavolta non voleva mancare sul podio, cercando se possibile anche il secondo gradino più alto. Non ha avuto timori a sorpassare Biaggi al secondo passaggio, mentre il 'corsaro' era in leggero affanno anche sull'arrembante Ruben Xaus, ancora protagonista con la BMW.
Biaggi però è rimasto vigile e attento nel contenere il divario, prima di vedere fuggire di poco i due brittanici durante le fasi centrali di gara. Ha subito anche il sorpasso dello spagnolo, ma poi ha ripreso di polso la situazione, gettandosi all'inseguimento affannoso a poche tornate dal termine su Crutchlow, sino al sorpasso decisivo a tre tornate dal traguardo, agevolato anche da molte sbavature dell'ex campione di Supersport.
Alla fine un secondo posto che potrebbe stare stretto al primatista del campionato, ma non tanto amaro se confrontato con l'ottavo posto di Leon Haslam. Il numero uno di casa Suzuki stavolta è rimasto nell'ombra, passando i gradi di primo pilota al compagno di squadra Sylvain Guintoli, giunto quarto dopo un bel confronto con Noriyuki Haga. Il giapponese si è di nuovo risvegliato dal torpore estivo, mantenendo il ritmo dei primi e pressando per buona parte di gara Xaus.
Più sfortunato Michel Fabrizio, ritiratosi per un problema al motore a otto giri dalla fine. Guai tecnici che hanno condizionato anche la gara di Leon Camier, costretto ai box per problemi alla frizione.
Ritiro doloroso anche per l'altro italiano della Superbike Luca Scassa, tradito dala sua Ducati a 16 tornate dalla bandiera a scacchi, che lo ha proiettato fuori pista lasciandolo anche leggermente zoppicante. Trai i ritirati anche Chris Vermeulen, Max Neukirchner e Jakub Smrz, che non ha visto neache la seconda curva nella tappa di casa dopo la maxi caduta al via.
Gara 2 - Nella seconda manche si riaccende il confronto tra il capoclassifica e lo scatenato britannico della Honda. Rea cerca di impostare la gara-fuga di gara 1, ma stavolta il 'corsaro' grazie ad alcune modifiche tecniche sul retrotreno e sul cambio non perde il contatto e morde con la sua RSV-4 il codone della CBR.
Il confronto è aperto, ma Biaggi ha più grinta e un primato da incrementare, per confermarsi ancora re di Brno per la decima volta. L'appuntamento sul gradino più alto viene rispettato anche stavolta, e con la sua Aprilia come un anno fa Biaggi torna a svettare in Repubblica Ceca (festeggiato anche con una torta), restituendo il gap a Rea che è costretto a inchinarsi.
Non c'è gloria solo per Biaggi e Rea, ma anche per la Ducati, che ritrova il suo smalto e riesce finalmente ad avvicinarsi al podio con le sue moto. Michel Fabrizio rimedia al ritiro precedente con un brillante terzo posto, mentre Noriyuki Haga si piazza quinto alle spalle di un altro ritorvato James Toseland, che riporta la sua Yamaha nella parte alta della classifica, bilanciando l'amaro 14° piazzamenteo di Cal Cratchlow.
Le brillanti prestazioni di Borgo Panigale in gara 2 sono confermate anche dal sesto posto del primo privato Carlos Checa.
Brno indigesta invece per la Suzuki di Leon Haslam, arrivato 10° e pesantemnete distaccato dalla vetta, rimasto ancora una volta dietro il proprio compagno di squadra Guintoli, giunto settimo. Da registare anche un amaro ritiro per il pilota di casa Smrz, aszieme a Xaus, Vermeulen, Sykes e Neukirchner. Mentre in campionato Biaggi vola sempre più in alto a 327 punti, contro i 278 del primo inseguitore Haslam. Fuga anche per l'Aprilia a quota 333 nel Mondiale costruttori, contro i 296 di Suzuki e i 260 di Ducati.

Supersport; Kenan Sofuoglu vince a Brno.

Kenan Sofuoglu ha vinto dopo una gran rimonta la gara di Brno del Campionato Mondiale Supersport. Il turco del team Ten Kate non è partito bene, ma ha recuperato posizioni su posizioni, si è messo in scia del leader Lascorz, sul finale lo ha passato e ha resistito a tutti gli attacchi del pilota della Kawasaki, andando così a vincere per la terza volta in questa stagione.
Con questa vittoria Sofuoglu torna al comando della classifica provvisoria di campionato, grazie anche all’uscita di scena di Laverty, ritirato per un problema tecnico della sua Honda. L’itlandese ha anche condotto la prima parte della gara, ma poi la sua Honda ha ceduto, costringendolo così al primo zero stagionale. Secondo posto in gara, e ora anche in campionato, per Lascorz, mentre chiude il podio il pilota del team Triumph BE1 Chaz Davies.
Gran botto per Michele Pirro, che ha tamponato la Kawasaki di Foret nei primi giri della gara, picchiando una gran botta. Per quanto riguarda gli italiani al traguardo, il migliore è stato Vittorio Iannuzzo, 11°, seguito da Roccoli, 12° e Palumbo, 14°.


____________________

CREDERCI SEMPRE MOLLARE MAI
Vedi il profilo dell'utente

Contenuto sponsorizzato


Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum