Non sei connesso Connettiti o registrati

F1 2010 - GP UNGHERIA

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1 F1 2010 - GP UNGHERIA il Gio 29 Lug 2010, 16:42

u cici

avatar
Responsabile Video
Responsabile Video
Ferrari in Ungheria tra insidie e polemiche

Un anno fa una molla impazzita gli privò di affrontare la seconda parte di stagione. Una annata sottotono viste le non grandiose qualità della F60, ma una parte importante della sua carriera spentasi nel violento incidente in Ungheria. Ora il tracciato magiaro dell'Hungaroring per la 12^ prova del mondiale domenica 1 Agosto torna a riabbracciate Felipe Massa, carico e pronto a riaffrontare l'incubo del passato per dimostare che la gara Germania non è stata un'altra parentesi e certamente non si sente un numero due.
In casa Ferrari è già da parte la polemica post-sorpasso tra i due scudieri della Rossa (oltre all'accenno fatto dalla Mclaren sull'ala anteriore flessibile, giudicata regolare come la stessa usata anche sulla Red Bull), e mentre le altre squadre con un occhio attendono anche la decisione che giungerà da Parigi dopo il deferimento della Scuderia di Maranello, i tecnici modenesi guardano verso l'Ungheria come un altro step per colmare ulteriormente il gap con i rivali. A favore della Rossa c'è anche il tempo, che non ha congelato i valori mostrati in Germania, dove la doppietta ferarrista è stata schiacciante. Ma c'è da considerare un traccciato ben più tecnico e diverso rispetto a quello teutonico, ricco di insidie come non ha nascosto Fernando Alonso definendo il tracciato magiaro una pista di go-kart per monoposto di Formula 1. Ci sono tante curve in successione senza che ci siano punti dove un pilota possa riposarsi un po’ ed è fondamentale avere una macchina in grado di affrontare bene i tanti saltellamenti che caratterizzano l’asfalto e i cordoli. Dal punto di vista fisico e mentale è una gara piuttosto impegnativa ed è importante non lasciarsi prendere dalla foga e strafare perché gli errori si pagano a caro prezzo, soprattutto in qualifica.
Un qualifica che vede la Rossa prossima alla Red Bull sul piano della competitività, ma nel giro secco le rivali anglo-austriache sono ancora superiori alle altre. Il discorso cambia invece sul passo gara, dove le Ferrari sono tornate nettamente a dettar legge, sia per le grandi soluzioni adottate che hanno incrementato notevolemnte il carico arerodinamico e la deportanza, sia per l'utilizzo più regolare delle gomme, che in Ungheria saranno simili a quelle usate a Hockenheim (supersoft e le medie,). Un fattore che fa leggermente sorridere gli uomini in rosso, anche se alla Ferrari l'entusiasmo da doppietta è stato subito abbandonato dalla consapevolezza che la strada verso il titolo è ancora molto lunga e gli avversari sono sempre davanti.
A far morale comunque ci sono anche i ricordi. Alonso si aggrappa anche alla tradizione per sollevare ancora un altro trofeo sul primo gradino del podio e pareggiare il conto di vittorie con Mark Webber. L’Hungaroring è un circuito speciale per lo spagnolo. Lì, nel 2003, conquistò la prima vittoria in Formula 1 e lì ha ottenuto l’ultima pole position, l’anno scorso.
Ricordi diversi da quelli di Felipe Massa, legato quasi a doppio filo con questa terra , ma comqunue fiducioso di potre cambiare la sua storia ancora uan volta nonostante l'Hungaroring sia stato sempre avaro con il brasiliano, che non ha mai raccolto grandi risultati su questo tracciato ma spesso e volentieri è stato dovuto a delle circostanze esterne anche perché è una pista dove mi piace molto guidare. Nel 2008, ad esempio, era in testa fino a pochi chilometri dalla bandiera a scacchi quando cedette il motore della F2008. Tutto sommato, ci sono tutte le ragioni per guardare con fiducia al ritorno a Budapest.
Orgoglio rosso in Ferrari si respira un'aria positiva.

Rischio uscite - Diverso invece il clima futuro della massima serie, che lo stesso Bernie Ecllestone teme possa indebolirsi. Il numero 1 della F1 sospetta che uno o anche due scuderie possano abbandonare la massima serie entro fine anno, Lotus a parte, le stesse squadre giunte in questa stagione.
Intervistato dal Daily Telegraph, Ecclestone non ha dato grande risalto all'anticipo chiesto dalla Renault sui diritti tv, considerando di non avere dubbi sulla salute della squadra di Enstone, ma il suo più pessimismo sulla salute economiche di altre squadre è più elevato.
Le piccole realtà appena giunte in Formula Uno potrebbero presto annunciare il loro addio per evidenti difficoltà; e gli altri nomi che annunciano di voler subentrare rappresentano la soluzione ma soprattutto un tampone per questa piccola-grande emorragia che riporterebbe indietro la Formula Uno, nonostante l'obiettivo resti mantenere almeno dieci squadre. In tutto questo il grande passato dei nomi e delle imprese leggendarie sembra sempre più distante dalla realtà del Circus. Un passato chq eusi non appartiene più a questo tempo.


____________________

CREDERCI SEMPRE MOLLARE MAI
Vedi il profilo dell'utente

2 Re: F1 2010 - GP UNGHERIA il Sab 31 Lug 2010, 20:48

u cici

avatar
Responsabile Video
Responsabile Video
La Red Bull fa tutto da sola, Alonso terzo

Pole position per Vettel, Webber in prima fila con lui. Non c'è nessuno in grado di competere con i due "tori", nemmeno il Cavallino di Alonso, che è terzo con Massa alle sue spalle

Sebastien Vettel ha conquistato la pole position del Gran Premio di Ungheria di Formula 1. Una prestazione perfetta del tedesco che ha chiuso la sessione con il tempo di 1'18''773 precedendo il compagno di squadra Mark Webber. 11esima pole position stagionale per la Red Bull che si è dimostrata ancora una volta la vettura più competitiva.
Seconda fila tutta Ferrari con Fernando Alonso terzo e Felipe Massa quarto. A seguire Lewis Hamilton che preceduto Rosberg, Petrov, Kubica, De La Rosa e Hulkenberg. Fuori di pochi millesimi dal Q3 Jenson Button 11esimo e Michael Schumacher che non è andato oltre alla 14esima piazza.


____________________

CREDERCI SEMPRE MOLLARE MAI
Vedi il profilo dell'utente

3 Re: F1 2010 - GP UNGHERIA il Dom 01 Ago 2010, 16:30

EL JAPI

avatar
Responsabile Calciomercato
Responsabile Calciomercato
F1 - Il GP d'UNGHERIA è stato vinto da un super WEBBER. 2° un buon ALONSO che precede VETTEL e MASSA

Il GP di Ungheria lo ha vinto Mark Webber. Ma il secondo posto di Fernando Alonso davanti a Sebastian Vettel vale come una vittoria, e non è retorica. Innanzitutto perché Lewis Hamilton si è ritirato consentendo allo spagnolo di recuperare punti fondamentali in campionato. E poi perché la gara dell’Hungaroring di oggi è stata un saggio di agonismo, tecnica e concentrazione da parte del due volte iridato della Ferrari. Con una F10 che prendeva sostanzialmente un secondo al giro dalle Red Bull, solo un pilota di classe superiore poteva sperare di stare davanti a una delle due. Fernando lo ha fatto, certamente anche aiutato dall’ennesima fesseria di uno dei due piloti di Horner, nello specifico di Vettel, autore di una manovra che gli ha fatto prendere una penalità. Ma questi 18 punti presi dalla Ferrari potrebbero essere pesantissimi in vista del finale di stagione. A patto però che dalle prossime gare il distacco dalle Red Bull torni a essere ragionevole: Alonso non potrà fare miracoli a ogni gara.

IL VIA
— Al via sono stati bravissimi Vettel e Alonso, pulitissimi e veloci allo scatto e a presentarsi in testa alla prima curva. Webber e Massa hanno solo potuto accodarsi davanti a Petrov e a Hamilton, che però si è subito rifatto passando rapidamente il pilota russo. Detto della rottura del motore della Toro Rosso di Alguersuari, in pochi giri si è assistito a uno show di Vettel: quasi un secondo al giro rifilato alla Ferrari. Al 10° passaggio Alonso si è ritrovato a 9” dal tedesco. Imbarazzante.

CAOS AL 15°
— Momento caldissimo al 15° giro. Un pezzo di alettone sulla pista ha spinto i commissari a schierare la Safety car e così ne sono successe un po’ di tutti i colori. Vettel ha tagliato la linea bianca della corsia di rientro ai box per cambiare immediatamente le gomme seguito subito dalla Ferrari di Alonso, da Hamilton e Massa. Webber ha invece proseguito. Nella grande concitazione Rosberg ha perso un pneumatico che in una corsa impazzita ha seminato paura tra i meccanici degli altri team (colpito alla spalla un uomo della Williams). Kubica ha invece ricevuto il via dai suoi meccanici proprio mentre arrivava Sutil: inevitabile il botto tra i due (ne ha fatto le spese Sutil mentre il polacco è ripartito dopo una riparazione lampo beccandosi però una penalità per la manovra).

VETTEL PENALIZZATO
— Ma non è finita. Alla ripartenza la gara ha apparentemente svoltato in favore di Alonso. Prima Hamilton si è infatti ritirato per un problema tecnico. Poi Vettel ha rallentato davanti allo spagnolo consentendo a Webber di avere più margine in vista del suo pit stop. La manovra non è passata inosservata e il tedesco si è preso un giusto drive through ripartendo proprio davanti a Massa. “Ma perché?!” ha chiesto Vettel via radio senza rendersi conto della clamorosa ingenuità commessa.

MISSILE WEBBER
— Sembrava, poteva essere un momento esaltante per la Ferrari. Così non è stato, però, perché il GP è proseguito con un Webber in versione missile. L’australiano, infatti, dal ritorno ai box della Safety car ha accelerato accumulando circa 23” sulla Ferrari in circa 26 giri. Una prestazione pazzesca se pensiamo che Mark ha girato sempre con le gomme morbide usate al via. Contemporaneamente la F10 ha iniziato ad accusare un calo, dal muretto della Red Bull se ne sono accorti e hanno lasciato che Webber continuasse a macinare giri veloci. Al 44° giro è così arrivato il momento del pit stop e l’australiano l’ha effettuato ripartendo con un rettilineo di vantaggio sulla rossa di Alonso, braccato da Vettel. Webber ha in sostanza meritato la vittoria lì.

POLVERE
— Così è iniziato l’ultimo, intenso tratto di gara. Contro una Red Bull mostruosa, Fernando è stato chiamato a ulteriori 25 giri di sofferenza per tenere dietro lo scatenato tedesco. Con Webber irraggiungibile, Alonso ha guidato alla grande, non ha commesso sbavature, ha costretto Vettel a mangiare la polvere (come quando in una circostanza è andato largo). Ha fatto in sostanza un po’ capire perché la Ferrari lo abbia voluto fortemente e abbia pure chiesto un sacrificio a Felipe Massa (oggi quarto) domenica scorsa a Hockenheim. Se il Mondiale del Cavallino è ancora aperto, è grazie alla classe dello spagnolo.


____________________
-EL JAPI-
Vedi il profilo dell'utente

4 Re: F1 2010 - GP UNGHERIA il Dom 01 Ago 2010, 21:09

u cici

avatar
Responsabile Video
Responsabile Video
Ordine d'arrivo;
1 Mark Webber Red Bull 1:41:05.571
2 Fernando Alonso Ferrari + 17.821
3 Sebastian Vettel Red Bull + 19.252 (Inv.)
4 Felipe Massa Ferrari + 27.474
5 Vitaly Petrov Renault + 1:13.192
6 Nico Hülkenberg Williams + 1:16.723
7 Pedro de la Rosa Sauber a un giro
8 Jenson Button McLaren a un giro
9 Kamui Kobayashi Sauber a un giro
10 Rubens Barrichello Williams a un giro
11 Michael Schumacher Mercedes GP a un giro
12 Sebastien Buemi Toro Rosso a un giro
13 Vitantonio Liuzzi Force India a un giro
14 Heikki Kovalainen Lotus a 3 giri
15 Jarno Trulli Lotus a 3 giri
16 Timo Glock Virgin a 3 giri
17 Bruno Senna Hispania a 3 giri
18 Lucas Di Grassi Virgin a 4 giri
19 Sakon Yamamoto Hispania a 4 giri
20 Robert Kubica Renault a 47 giri

CLASSIFICA PILOTI;
1 Mark Webber (Red Bull) 161
2 Lewis Hamilton (McLaren) 157
3 Sebastian Vettel (Red Bull) 151
4 Jenson Button (McLaren) 147
5 Fernando Alonso (Ferrari) 141
6 Felipe Massa (Ferrari) 97
7 Nico Rosberg (Mercedes) 94
8 Robert Kubica (Renault) 89
9 Michael Schumacher (Mercedes) 38
10 Adrian Sutil (Force India) 35
11 Rubens Barrichello (Williams) 30
12 Vitaly Petrov (Renault) 17
13 Kamui Kobayashi (Sauber) 17
14 Vitantonio Liuzzi (Force India) 12
15 Nico Hülkenberg (Williams) 10
16 Sebastien Buemi (Toro Rosso) 7
17 Pedro de la Rosa (Sauber) 6
18 Jaime Alguersuari (Toro Rosso) 3

CLASSIFICA COSTRUTTORI;
1 Red Bull 312
2 McLaren 304
3 Ferrari 238
4 Mercedes 132
5 Renault 106
6 Force India 47
7 Williams 40
8 Sauber 23
9 Toro Rosso 10


____________________

CREDERCI SEMPRE MOLLARE MAI
Vedi il profilo dell'utente

5 Re: F1 2010 - GP UNGHERIA il Dom 01 Ago 2010, 23:46

Alnex


m'briak
m'briak
Le Ferrari sono troppo lente sui rettilinei...

Vedi il profilo dell'utente http://www.fcdaggan.blogspot.com

6 Re: F1 2010 - GP UNGHERIA il Lun 02 Ago 2010, 09:41

Bariale

avatar
non lucido
non lucido
Alnex ha scritto:Le Ferrari sono troppo lente sui rettilinei...
Il problema è quello inverso, Ferrari e McLaren rispetto alle Red Bull in rettilineo sono le piu veloci (infatti si dice che a Spa e Monza saranno le favorite), è nelle curve medio/lente che le Red Bull sono di un altro pianeta, solo le Ferrari si sono avvicinate a Webber e Vettel grazie agli alettoni flessibili. Dopo la pausa estiva vedremo dei gran bei duelli tra Alonso e Hamilton

Vedi il profilo dell'utente

7 Re: F1 2010 - GP UNGHERIA il Lun 02 Ago 2010, 09:58

Maumau76

avatar
non lucido
non lucido
Quello che mi ha davvero colito ieri pomeriggio è stato il comportamento da assassino di Schumacher, che non mi è mai stato simpaticissimo (anche ai tempi della Ferrari) e che ieri sarebbe stato corretto arrestare per tentato omicidio. Un comportamento così non l'avevo mai visto in 25 anni che seguo la F1

Vedi il profilo dell'utente http://www.soccermanageritalia.com

8 Re: F1 2010 - GP UNGHERIA il Lun 02 Ago 2010, 10:02

serginho81

avatar
m'briak
m'briak
Maumau76 ha scritto:Quello che mi ha davvero colito ieri pomeriggio è stato il comportamento da assassino di Schumacher, che non mi è mai stato simpaticissimo (anche ai tempi della Ferrari) e che ieri sarebbe stato corretto arrestare per tentato omicidio. Un comportamento così non l'avevo mai visto in 25 anni che seguo la F1

che pena... pur di non farsi superare da Barrichello ha fatto una manovra davvero pericolosa e insensata! ma che è tornato a fare? sta rovinando tutto quello che ha fatto negli anni delle grandi vittorie!!!

Vedi il profilo dell'utente

9 Re: F1 2010 - GP UNGHERIA il Lun 02 Ago 2010, 12:10

u cici

avatar
Responsabile Video
Responsabile Video
La verità è che le RED BULL hanno una macchina perfetta e un potenziale tecnico enorme, hanno solo qualche lacuna nella gestione dei piloti, ecco perchè il campionato è ancora aperto, se alla Ferrari avrebbero lo stesso potenziale a disposizione il campionato era già virtualmente chiuso.


____________________

CREDERCI SEMPRE MOLLARE MAI
Vedi il profilo dell'utente

Contenuto sponsorizzato


Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum